Usiamo i cookie, anche di terze parti, per assicurare la migliore esperienza sul sito. Per saperne di più e per controllarne l'abilitazione, accedi alla Cookie Policy.
Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.

Detrazione del premio dell’assicurazione sulla vita: ottieni il rimborso con la dichiarazione dei redditi


Ogni anno, i contribuenti devono comunicare al fisco italiano i redditi percepiti e le spese sostenute al fine di calcolare le imposte dovute allo stato e le detrazioni, che danno diritto a un rimborso economico.
Nell’elenco delle detrazioni rientrano principalmente le spese relative alla casa (ristrutturazioni e installazione di impianti energetici green), alla scuola, alla salute e all’assistenza di familiari a carico.

Ma non solo: secondo il TUIR (Testo Unico delle Imposte sui Redditi), articolo 15 comma 1, rientrano in questo elenco anche i costi delle intermediazioni immobiliari, delle attività sportive e soprattutto delle assicurazioni sulla vita.

Questa detraibilità del premio delle polizze permette di risparmiare sui costi totali che il cliente deve sostenere per sottoscrivere un’assicurazione sulla vita.

Come funziona la detraibilità dei premi assicurativi

La dichiarazione dei redditi si presenta al fisco compilando il Modello 730 o Unico. Per ottenere le detrazioni, è necessario inserire nei campi dedicati i codici relativi alla propria polizza vita.

Per i contratti di assicurazione sulla vita stipulati entro il 31 dicembre 2000, è prevista una detrazione del 19% dei premi versati, a condizione che la durata del contratto non sia inferiore ai 5 anni.

La stessa percentuale di detrazione è prevista anche per le polizze sottoscritte dopo il primo gennaio 2001, a patto però che la copertura assicurativa preveda una delle seguenti condizioni:

  • rischio di morte;
  • rischio invalidità permanente superiore al 5%;
  • rischio di non autosufficienza delle attività quotidiane.

L’ammontare delle detrazioni

Per le assicurazioni temporanee caso morte o di invalidità permanente, il limite massimo dell’ammontare del premio da poter inserire nella dichiarazione dei redditi è di 530 euro. Calcolando il beneficio fiscale di una detrazione al 19%, il conseguente rimborso massimo è pari a 101 euro.

Se il contratto stipulato prevede anche una copertura contro il rischio di non autosufficienza nello svolgimento delle attività quotidiane, la spesa massima da poter dichiarare per usufruire della detrazione è pari a 1.291,14 euro, con un rimborso di massimo di 245 euro (con una detrazione sempre del 19%).

Nell’ipotesi che il premio superi i 530 Euro per il primo caso descritto e i 1.291,14 Euro per il secondo caso esposto, le parti eccedenti non verrebbero calcolate nel conteggio delle detrazioni.

Dopo aver compilato la dichiarazione dei redditi, per eventuali accertamenti fiscali, si consiglia di conservare le copie delle ricevute di pagamento dei premi e il contratto di assicurazione, nel quale devono essere presenti:

  • i dati del contraente e dell’assicurato;
  • la tipologia di copertura;
  • la decorrenza della polizza;
  • gli importi versati.

Modalità di pagamento
       
Seguici su
       
Puoi contattarci anche qui